La Chiesa-Fortezza di Sant Francesc Xavier

Cosa vedere passeggiando per la capitale di Formentera

La piazza più grande di Sant Francesc è Piazza del Municipio. Nel 1235, Marc Ferrer e Antoni Blanch, accompagnati da Guillerme de Montgrì (che era sagrestano della Cattedrale di Girona e arcivescovo della Cattedrale di Terragona) conquistarono l'isola in nome del Re Jaume I d'Aragona. Nel 1257, entrò in attività il monastero agostiniano che era situato alla Mola, del quale non rimangono resti visitabili, ristabilendo il Cristianesimo nell'isola. 

Nel XIV° secolo, venne così costruita la prima cappella: Sa Tanca Vella, in onore a San Valero. Le sue dimensioni ridotte e il minimalismo totale della struttura, sono testimonianza della povertà e dell'umiltà dei religiosi dell'isola. L'insicurezza derivata dai costanti attacchi da parte di pirati e dalla presenza di epidemie di peste fecero sì che l'isola nel giro di pochi secoli, rimase quasi deserta. Nel 1724,  si cominciò a costruire la chiesa, che venne realizzata come una fortezza, per la protezione degli abitanti. Questa era l'unica forma per garantire la sicurezza della popolazione in caso di pericolo, visto che le torri di vedetta si costruirono solo successivamente.

Si dice che la chiesa arrivò a ospitare vari cannoni fino al 1830 (oggi sulla facciata è ancora visibile un grande foro dal quale si sparava). La facciata è molto essenziale e all'interno, si nota una nave unica rettangolare, abbastanza larga. La campana maggiore rappresenta la storia di Gesù e San Michele (1805) e proviene da una vecchia imbarcazione. Nella parte posteriore, c'è la casa parrocchiale.

Le porte sono ricoperte di lamine di ferro per aumentare la loro resistenza.

Interessante, all'interno, la fonte battesimale di alabastro e in stile bizantino. Si ipotizza che possa essere l'unico pezzo esistente del monastero oggi scomparso.

Nel corso del XX° secolo, la chiesa fu modificata varie volte (anticamente era color sabbia. Vale la pena visitare anche la cappella (Sa tanca Vella), simbolo dei primi cristiani dell'isola e il Museo Etnografico, che mostra come si svolgeva la vita a Formentera prima dello sviluppo del turismo (entrata libera).

Curiosità: i Pink Floyd e l'autore delle copertine di molti loro dischi sono passati per Formentera e in alto a sinistra, dentro la chiesa, provate a entrare e a vedere cosa è raffigurato... 

 

 

Articolo Precedente Casa, hotel o appartamento: quale affittare?
Prossimo Articolo Magia al Faro di Cap de Barbaria